La Fondazione offre borse di studio per progetti di scambio di breve durata.

A chi sono rivolte le borse di studio?

Per progetti di scambio in Italia possono fare domanda cittadini svedesi. Per progetti di scambio in Svezia possono fare domanda cittadini italiani.

Il richiedente deve essere studente o lavorare presso un’ università in Svezia o in Italia.

Nel periodo in cui viene effettuata la domanda il candidato deve aver compiuto minimo 18 anni e massimo 39. Borse di studio possono essere assegnate a candidati con età superiore ai 39 anni solo in casi eccezionali.

Nella selezione viene data la priorità ai candidati che non hanno ricevuto alcuna borsa di studio dalla Fondazione nei due anni precedenti.

Quali sono gli ambiti per i quali si può presentare la domanda?

Si può fare domanda per progetti di scambio di breve durata nell’ambito di: architettura, economia, discipline umanistiche, giurisprudenza, arte, musica e scienze naturali.

Non vengono prese in considerazione le domande destinate a sostenere economicamente regolari corsi di studi come per esempio programmi di scambio o per studenti e dottorandi. È invece possibile fare domanda per borse nell’ambito di un corso di studi per specifici progetti, corsi speciali, ricerca di archivio.

La durata dei progetti di scambio varia generalmente tra uno e quattro mesi,  ma possono essere assegnate borse per periodi di diversa durata.

I progetti che vengono presentati per il bando del 2018 devono essere avviati non prima del primo maggio 2019 e non più tardi del primo novembre 2020. Non vengono approvate borse di studio per progetti già iniziati o già conclusi.

Quali sono le spese per cui si può chiedere un rimborso?

Esempi di costi coperti dalla borsa di studio:

  • Spostamenti tra Svezia e Italia (volo aereo in classe economy)
  • Transfer da e per l’aeroporto
  • Viaggi interni nel paese di destinazione dovuti a necessità legate al progetto
  • Costi assicurativi nel caso in cui venga richiesta un’assicurazione aggiuntiva nel paese di destinazione
  • Costi per l’alloggio durante il periodo di permanenza nel paese di destinazione
  • Costi per il vitto durante il periodo di permanenza nel paese di destinazione (secondo la tabella)
  • Altri costi direttamente legati al progetto

La Fondazione non concede alcun tipo di rimborso per:

  • Vestiti
  • Spese legate al tempo libero
  • Sport, assistenza medica e servizi sanitari
  • Attrezzature da laboratorio
  • Computer

Quale è l’importo massimo che si può richiedere?

A copertura delle spese il contributo richiesto può andare dalle 5.000 alle 50.000 corone.

Fermo restando il tetto massimo sopra indicato, il candidato può inserire nel budget spese che superano l’importo massimo richiesto. La Fondazione si riserva il diritto di attribuire un sostegno finanziario inferiore a quello richiesto.

Che cosa deve includere la candidatura?

La domanda per il bando deve includere i seguenti documenti:

  • Il formulario compilato per intero (scaricabile qui)
  • Un documento fornito da parte di un’istituzione (università o equivalente) nel quale si attesta che il candidato ha un posto garantito per un tirocinio nel paese di destinacione.
  • Una lettera di presentazione del candidato rilasciata da una persona competente all’interno di un’Istituzione universitaria, Istituto di ricerca, conservatorio o equivalente del paese di provenienza.
  • Il curriculum vitae del candidato.

La domanda dere includere una lista dettagliata dei costi specifici legati alla realizzazione del progetto e informazione su come sono stati calcolati.

(La domanda deve essere firmata. Se il candidato non ha la possibilità di firmarlo digitalmente su PDF, può stamparlo, firmarlo e scansionarlo o fare una foto del documento.)

Tutti i documenti devono essere in inglese e salvati nel formato PDF.

Come si inoltra la candidatura?

La domanda deve essere inoltrata per in formato PDF al sequente indirizzo di posta elettronica:

stipendier@cmlerici.se

Non verranno accettate domande presentate con altre modalità

La domanda deve pervenire entro il 31 gennaio.

Nota bene: le domande incomplete, prive di firma o ricevute dopo la data di scadenza indicata non verranno prese in considerazione.

Regolamento e modalità di selezione

Una volta mandata la domanda il richiedente riceverà una conferma dalla Fondazione dell’avvenuta ricezione.

Le domande vengono esaminate da una commissione composta da dall’Istituto Italiano di Cultura, Svenska Institutet, Kungliga Tekniska högskolan, Stockholms Universitet, Handelshögskolan i Stockholm e Kungliga Akademien för de fria konsterna.
Le decisioni sulle borse di studio vengono prese dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione.

Entro la fine del mese di aprile tutti i candidati riceveranno una comunicazione circa l’esito, positivo o negativo, della selezione. I vincitori del bando riceveranno informazioni su come richiedere la borsa di studio e su come verrà effettuato il pagamento della borsa di studio. Il vincitore deve usufruire della borsa massimo 24 mesi dopo la data in cui è stata assegnata. Verrà considerato rinunciatario il candidato che pur avendo ottenuto una prologa per l’utilizzo della borsa non la utilizzi entro 24 mesi dalla data di assegnazione.

Il beneficiario di una borsa di studio dovrà, entro tre mesi dal termine del soggiorno di studio e ricerca, inviare una relazione della lunghezza massima di una pagina A4 nella quale viene illustrato il progetto svolto e i risultati ottenuti. Nel caso in cui il vincitore non facesse pervenire questo documento sarà tenuto al rimborso dell’intera somma.

Annunci